Le nostre ricette: 2011

Tutti i diritti riservati agli autori delle ricette. E' vietata per legge la riproduzione delle ricette anche parziale e con qualsiasi mezzo senza l'autorizzazione scritta dei rispettivi autori.

martedì 29 novembre 2011

Torta con farina di castagne





Autore: Germana
Dedicata a chi piace la farina di castagne, ma non ha voglia del solito castagnaccio.
L'unità di misura é il vasetto dello yogurt.

Ingredienti:
4 bicchieri e mezzo di farina di castagne
2 vasetti di zucchero semolato
3 uova
4 cucchiai di rum
125 g di burro Soresina  sciolto
1 bustina di lievito istantaneo per dolci

Preparazione

In una terrina preparare un impasto omogeneo con tutti gli ingredienti, lasciando per ultimo il lievito.
Versare in una tortiera di cm 22 di diametro ed infornare per 45 minuti a 175°.
Più semplice di così...
Ma di una bontà



giovedì 10 novembre 2011

Ciambella allo yogurt


Autore: Germana


Questa é la mia  ricetta per i bambini di Rocchetta
  • Ingredienti
  • 3 uova intere
  • 300 g di farina 00
  • 100 g di fecola
  • 300 g di zucchero
  • 1 yogurt bianco intero (125 g)
  • 1/2 bicchiere di olio di semi di mais
  • 1 bustina di lievito
  • un pizzico di sale
Setacciare le farine con il lievito.
In una terrina sbattere con la frusta elettrica le uova con lo zucchero, aggiungere il pizzico di sale, lo yogurt ed infine la miscela delle farine.
Mettere il tutto in uno stampo di cm 24 di diametro ed infornare a 175° per 25/30 minuti.
Fare sempre la prova stecchino

mercoledì 9 novembre 2011

Una ricetta per i bambini di Rocchetta Vara






Patrizia del blog La Melagranata è promotrice di una lodevole iniziativa di solidarietà. Riporto di seguito quanto ha scritto sul forum della Cucina Italiana:

Qualche giorno prima della tragedia genovese, avevo preso contatti con le due giovani responsabili della cooperativa sociale Gulliver di Borghetto, che hanno a Rocchetta due case-famiglia, distrutte dall'alluvione: I bambini che accoglievano sono stati spostati temporaneamente, dopo un salvataggio notturno e rocambolesco che ha visto il guado di un fiume e l'uso dell'elicottero!!, e ora non hanno più nulla. Li ha dovuti rivestire la Caritas!
Per aiutarli, ho pensato ad un'iniziativa di solidarietà: sto raccogliendo un po' di ricette per bambini, dolci o salate non importa, per farne una piccola pubblicazione che sarà donata alla cooperativa per poter essere venduta a favore dei bimbi.
Oltre a questo si può fare un versamento, se volete, al loro iban IT30X0617549720000000546980  Banca Carige agenzia 394 Causale: alluvione Borghetto coop. Sociale Gulliver

Mandate la vostra ricetta! Trovate le modalità sul blog di Patrizia.


Per parte mia metto le seguenti due (una salata e una dolce) entrambe ispirate alle uova al tegamino
.

“Il sole in un mare di latte”
Più che una ricetta è un breve aneddoto di quand’ero un bimbo di 5 o 6 anni. Sembra incredibile ma allora ero mingherlino e non avevo molto appetito. Un giorno giunta l’ora della merenda (Non erano i tempi delle orribili merendine di adesso) mia nonna iniziò a chiedermi, come d’abitudine, cosa preferivo: “Vuoi pane e olio?” – “No” – “Pane e burro?” – “No” – “Pane e marmellata” – “No”. Quel giorno evidentemente, forse perché preso dai giochi, avevo ancor meno appetito del solito ma, quando la nonna mi chiese: ”Vuoi il sole in un mare di latte?”, vivamente attirato dalla curiosità risposi con entusiasmo di sì. Potete ben immaginare la mia sorpresa quando, dopo avermi fatto sedere a tavola, la nonna mi diede un bell’uovo al tegamino. Ormai avevo detto di sì e quindi non me la sentii di rifiutarlo e poi la nonna mi spiegò che il bianco dell’uovo rappresentava il mare di latte mentre il rosso sembrava il sole.

“Uova al tegamino dolci”
Si tratta di un dessert molto noto. La prima volta però che ne venni a conoscenza (in una rinomata gelateria di Recco) mi fece sorridere (forse perché mi fece tornare alla mente quell’altro piccolo inganno del sole e del mare). L’esecuzione è semplicissima: per ogni persona si prende un tegamino di ceramica o anche un piattino da frutta; si simula il bianco dell’uovo con un cerchio di gelato alla crema; sopra si mettono due mezze albicocche sciroppate con la pancia in su e si mette un pizzico di cannella in polvere che deve sembrare il pepe.

giovedì 27 ottobre 2011

Minestra di zucca al profumo di timo


Autore: germana




Una minestra buona e leggera nella sua semplicità , é proprio quella che ci vuole con il freschino di questi giorni.

Ingredienti
300 g di zucca
2 patate
1 porro grande o due piccoli
1 pugnetto di spinaci
1 litro circa di brodo vegetale
2 pugnetti   di ditalini rigati
50 g di pancetta a listarelle sottili
1/2 bicchiere di vino bianco secco
2 cucchiai d'olio extra vergine d'oliva
50 g di Grana padano  grattugiato
timo
sale e pepe

Procedimento
Sbucciate la zucca , pelate  le patate, e tagliatele  entrambe a tocchetti.
In una casseruola scaldare l'olio, rosolare la pancetta , quindi unire il  porro a rondelle e fatelo appassire senza far prendere colore.
Dopo una decina di minuti sfumate con il vino ed aggiungete la zucca, le patate , gli spinaci , il timo, sale e pepe  lasciando assorbire il condimento; quindi unite il brodo caldo e portate a bollore.
Unite i ditalini, abbassate il fuoco  e portate a cottura per una quindicina di minuti.
Prima di servire in tavola date una bella spolverata di grana padano.


lunedì 1 agosto 2011

Farinata genovese


Autore: Eugenio


E' possibile fare la farinata anche nel forno di casa purchè abbia la possibilità di fare fuoco di sopra, tipo grill.


Cominciamo dalle dosi.
Per ogni 100 grammi di farina di ceci occorrono 300 grammi d'acqua e 4 grammi di sale. Inoltre serviranno 50 ml. d'olio per ungere la teglia. L'olio dovrà essere extravergine d'oliva a bassa acidità. Per la teglia l'ideale è il testo di rame stagnato.
Ovviamente le dosi variano a seconda del diametro del vostro testo come si vede nella seguente tabella.
Testo 30 cm. di diametro: Farina 110 gr. - Acqua 330 gr. - Sale 4 gr. - Olio 0,6 dl.
Testo 31 cm: Farina 120 gr. - Acqua 360 gr. - Sale 5 gr. - Olio 0,6 dl.
Testo 32 cm: Farina 130 gr. - Acqua 390 gr. - Sale 5 gr. - Olio 0,6 dl.
Testo 33 cm: Farina 135 gr. - Acqua 405 gr. - Sale 5 gr. - Olio 0,7 dl.
Testo 34 cm: Farina 140 gr. - Acqua 420 gr. - Sale 6 gr. - Olio 0,7 dl.
Testo 35 cm: Farina 150 gr. - Acqua 450 gr. - Sale 6 gr. - Olio 0,8 dl.
Testo 36 cm: Farina 160 gr. - Acqua 480 gr. - Sale 6 gr. - Olio 0,8 dl.
Testo 37 cm: Farina 170 gr. - Acqua 510 gr. - Sale 7 gr. - Olio 0,8 dl.
Testo 38 cm: Farina 180 gr. - Acqua 540 gr. - Sale 7 gr. - Olio 0,9 dl.
Testo 39 cm: Farina 190 gr. - Acqua 570 gr. - Sale 8 gr. - Olio 0,9 dl.
Testo 40 cm: Farina 200 gr. - Acqua 600 gr. - Sale 8 gr. - Olio 1 dl.

Stemperate la farina di ceci nell'acqua fredda, aggiungete il sale fino, mescolate bene con la frusta per sciogliere eventuali grumi. Con la schiumarola eliminate la schiuma che avrà fatto e lasciate riposare coperto per almeno 4 ore. Ogni un'ora - un'ora e mezza date una rimescolata col cucchiaio di legno.
Mettete il testo nel forno freddo e portatelo a 220 gradi. Togliete il testo e alzate il forno alla massima temperatura col fuoco di sopra.
Intanto versate nel testo caldo la quantità d'olio indicata nella dose. Inclinando il testo in tutti i versi, otterrete un velo d'olio che lo ricoprirà completamente.
Se necessario schiumate la farinata, rimescolatela bene e versatela nel testo facendola cadere sul cucchiaio di legno che vi avrete appoggiato. Questo accorgimento evita che il liquido cadendo nello stesso punto del testo lo “lavi” dall’olio, fatto che porterebbe la farinata ad attaccare in quel punto. Usando sempre il cucchiaio di legno muovete il liquido tutto in torno dal bordo del testo verso il suo centro, in maniera da amalgamare bene il liquido con l’olio.
Infornate subito e, nei primi momenti, girate spesso il testo in modo che la farinata, che si andrà rapprendendo col calore, non si ammucchi rimanendo troppo sottile da una parte e troppo spessa dall’altra. Appena inizia a friggere, se il vostro forno supera la temperatura di 265 gradi, abbassatelo appunto a 265 gradi. Proseguite la cottura per 13-15 minuti rigirando ogni tanto il testo di modo che la cottura sia uniforme. L’operazione di muovere il testo, oltre a formare le caratteristiche screpolature, contribuisce a far sì che non si attacchi al fondo. Negli ultimi 3-4 minuti rimettete il calore al massimo per abbrustolirla bene e servitela caldissima.
Alcuni la gustano con una macinata di pepe nero. Ovviamente con la farinata non si beve acqua, tanto più adesso che anche per televisione dicono che l'acqua è un bene prezioso e che dev'essere economizzato. Consiglio un buon Bianco di Coronata bel fresco.

Questa ricetta partecipa per il mese di Settembre 2011 a


domenica 22 maggio 2011

Crostata Paradiso


Autore: germana




Ho fatto la crostata Paradiso, che ho visto nel blog di Imma  la Tentatrice per le sue superlative ricette, però con le mie dosi  sia per la crostata che per la Torta Paradiso.
Scusate il pasticcio di parole, ma questa  Crostata Paradiso é veramente PARADISIACA

Crostata
300 g di farina 00
200 g di burro Soresina
100 g di zucchero
3 rossi d'uovo
1 pizzico di sale
2 cucchiai di Limoncello

Preparate la frolla con questi ingredienti e rivestite uno stampo da 26 di diametro e 4 di altezza e ponete lo stampo in frigo.
Torta Paradiso
Ingredienti:
150 g di burro  Soresina a temperatura ambiente
4 uova intere
150 g di zucchero al velo
100 g di farina 00
50 g di fecola di patate
1 pizzico di sale
1 cucchiaio di limoncello
1/2 bustina di lievito per dolci
1 bustina di vanillina

Procedimento: 
Accendere il forno a 170°. Separare i tuorli dagli albumi e tenere da parte tre di questi ultimi. Riscaldare con acqua calda una larga ciotola, asciugarla e mettervi il burro morbido; lavorarlo con un cucchiaio di legno per renderlo cremoso, poi unirvi, uno alla volta, i tuorli, il limoncello e quindi lo zucchero al velo, amalgamando e montando il composto con il frullino elettrico: si deve ottenere una "spuma" soffice e bianca. Aggiungere a questo la farina e la fecola, setacciate con il lievito mescolando con il cucchiaio di legno dal basso verso l'alto per non smontare il tutto. Montare a parte i tre albumi con un pizzichino di sale e unirli al resto, sempre lavorando con il cucchiaio di legno con grande delicatezza.
Riprendere la crostata dal frigorifero e riempirla con il composto della  torta Paradiso.
Infornare per 40 minuti circa.
Una volta raffreddata, cospargere con zucchero al velo.

domenica 8 maggio 2011

Cornetti salati


Autore: germana
Questa é una ricetta che ho trovato nel forum della Cucina Italiana, purtroppo non ho segnato il nome di  chi l'ha postata, chiedo scusa e qualora l'amica si facesse viva, provvederò ad aggiornare l'archivio.

Ingredienti
250 g di farina
250 g di burro morbido Soresina
250 g di formaggio spalmabile tipo Philadelphia

Amalgamare burro e formaggio molto bene, poi aggiungere un po’ per volta la farina.
Far riposare la pasta in frigorifero per una notte.
Il giorno successivo,dare  tre giri come per la sfoglia, tirare la pasta col matterello, abbastanza sottile. 
Tagliare dei triangoli e mettere un cucchiaino di ripieno alla base del triangolo,  arrotolare la pasta , chiudere bene e dare la forma curva del cornetto.
Spennellare con uovo sbattuto e mettere in forno a 180° per 20 minuti.

Farcia:
Frullare 100g di prosciutto cotto,1 presa di sale e di pepe 1 cucchiaio di panna o latte Soresina.


    domenica 1 maggio 2011

    Pane con lievito madre in società






    Autore: germana
    Ho fatto un esperimento che vorrei condividere con voi, perché, come ben sappiamo, il pane fatto con il lievito madre ha tutto un altro sapore.
    Qualche tempo fa avevo comprato alla Coop un sacchetto di preparato per pane con farina Manitoba e lievito naturale con la ricetta per "Pane casalingo". 
     E' questa.
    Ingredienti
    500 g di preparato per pane
    300 ml di acqua tiepida
    40 g di olio evo
    22 g di sale (io non ce l'ho messo).

    Ho messo tutti gli ingredienti nella mdp sul programma impasto.
    Quando la macchina ha terminato di impastare (dopo 1/2 ora) ho tolto un panetto dall'impasto, avvolto nella pellicola e messo in freezer.Intanto il restante l'ho lasciato lievitare ancora un'ora nel cestello della macchina.
    Tolto l'impasto ho suddiviso in 8 panetti ai quali ho dato le forme, secondo la fantasia.
    Lasciate lievitare ancora un'ora  e poi infornate a 200° per 20 minuti .

    Mentre la ricetta del pane che vedete nella foto é la seguente.
    Ingredienti:
    250 g di farina 00
    250 g di semola rimacinata di grano duro
    2 cucchiai di olio evo
    300 ml circa di acqua
    panetto di lievito madre.
    Ieri mattina ho tolto il panetto dal freezer e messo nel frigorifero.
    La sera l'ho messo nel cestello della macchina del pane in mezzo alle due farine.
    La mattina ho unito l'olio, l'acqua, lasciato impastare e fatto lievitare 4 ore fino al raddoppio.
    Formato il biove da 100 g cad. e lasciati lievitare ancora due ore.
    Infornato a 200°, su carta forno , per 20 minuti.

    Una bontà, se qualcuno volesse provare mi piacerebbe sentirne il parere.
    Ideale per chi non avesse tempo di spupazzarsi il lievito madre, in quanto, con questo sistema si mangia sempre il pane con il lievito madre alternandolo  a quello della Coop o di qualche altro fornitore che usi il lievito madre.


    lunedì 18 aprile 2011

    Bagnon de ancioe (zuppa di acciughe)


    Autore: Eugenio

    Ingredienti per 5 persone:
    • Acciughe fresche 1 Kilo
    • Acciughe salate n.2
    • Pomodori maturi mezzo chilo
      (o una scatola di polpa pronta)
    • Cipolla una grande
    • Prezzemolo una manciata di foglie
    • Basilico 15-20 foglie
    • Aglio 2 spicchi
    • Olio evo mezzo bicchiere
    • Vino bianco mezzo bicchiere
    • Gallette del marinaio n. 5
      (o crostini di pane tostato)
    • Sale e pepe
    Pulite e spinate le acciughe fresche togliendo anche la coda (potete farlo fare al pescivendolo).
    Lavate e private dei semi i pomodori. Tritateli e metteteli da parte.Tritate la cipolla non troppo finemente.
    In una casseruola fate scaldare l'olio e aiutandovi col cucchiaio di legno fate sciogliere le acciughe salate.
    Aggiungete la cipolla tritata e lasciatela appassire a fuoco dolce per due o tre minuti. Nel frattempo tritate l'aglio e il prezzemolo; aggiungetelo alla cipolla e lasciate cuocere per circa mezzo minuto.
    Unite il vino bianco e lasciate sfumare a fuoco vivo. Unite i pomodori tritati (o la polpa pronta) e fateli insaporire per mezzo minuto. Versate 300 cl. d'acqua; fate alzare il bollore quindi incoperchiate, abbassate il fuoco e lasciate cuocere per dieci minuti alla fine il sughetto dovrà risultare un po' liquido: se fosse troppo asciutto potrete aggiungere un pochino d'acqua.
    Quando il sugo sarà cotto, salate e pepate, lasciate sciogliere bene il sale e unite le acciughe fresche.
    Fate alzare il bollore, incoperchiate e lasciate cuocere per non più di un minuto.
    Mettete ora sul fondo di ogni piatto una galletta spezzettata e, se piace, sfregata con l'aglio. In mancanza utilizzate dei crostini di pane.
    Disponete sul pane le acciughe con un po' del brodetto in modo che il pane si ammorbidisca senza però disfarsi eccessivamente.
    Prima di servire lasciate riposare un minuto e nel frattempo cospargete sulle acciughe un pizzico di basilico tritato grossolanamente.

    sabato 16 aprile 2011

    Torta delle rose 2







    Autore: germana
    Nuova versione della mia torta delle rose, per qualche ingrediente che ho aggiunto alla classica ricetta
    Il risultato é stato molto soddisfacente, la crosticina che si é formata sulla superficie é un ottimo contrasto con l'interno sofficissimo della  torta.
    L'alchermes poi ha "tinto " la pasta,proprio di rosa.

    Ingredienti:
    La sera
    Preparare il lievitino
    260 g farina 00
    1 cubetto di lievito di birra
    Latte q.b.
    Impastare, coprire e lasciar lievitare tutta la notte.

    La mattina mettere nella macchina del pane.
    340 g di farina 00
    80 g di burro Soresina
    80 g di zucchero
    6 tuorli (tenere un albume per pennellare la torta alla fine)
    1 pizzico di sale
    1 bustina di vaniglina
    2 cucchiai di alkermes

    Dopo qualche minuto unire il lievitino , continuare ad impastare. La mia mdp impiega un'ora e mezza tra impasto e lievitazione, comunque far lievitare fino al raddoppio.

    Preparare la crema con:
    140 g di burro morbido quello della lattina della Latteria Soresina (vedi foto)
    140 g di zucchero.

    Copertura
    1 manciata di zucchero in granella da unire all'albume
    2 belle manciate di zucchero in granella per cospargere la superficie

    Stendere l’impasto su carta forno infarinata in un rettangolo , spalmare la crema a 1 cm dai bordi e arrotolare non stringendo troppo.
    Dividere il rotolo a metà, mettere le due parti parallele e tagliare 10 pezzi.In totale 20 pezzi che ho suddiviso in due tortiere.
    Mettere 10 pezzi  in una teglia foderata di carta forno bagnata e strizzata, da cm 26 di diametro,  e pennellare con l’albume sbattuto con la granella di zucchero.
    Cospargere con altra granella di zucchero.Allo stesso modo preparare un'altra tortiera.
    Far lievitare un’ora.
    Infornare a 180° x 45 minuti circa.


      giovedì 31 marzo 2011

      Biscotti Ovis mollis



      Autore: germana

       Ingredienti:
      100 g di farina 00
       75 g di burro di Soresina
       50 g di zucchero a velo
       25 g di fecola di patate
      3 tuorli sodi
      scorza di 1/2 limone grattugiata
      1 pizzico di sale

      Procedimento
      Introdurre nel robot da cucina con le lame in acciaio, tutti gli ingredienti secchi con il burro a temperatura ambiente. Impastare alcuni minuti e per ultimi unire i tuorli sodi delle uova.
      Azionare il robot ancora qualche minuto  poi togliere l’impasto, avvolgerlo nella pellicola e far riposare ½ ora in frigorifero.
      Togliere la pasta, infarinarla un po’ e stenderla con un altezza di circa 2-3 mm  con il mattarello.
      Ritagliare i biscotti.Metterli in una teglia su carta forno ed infornare.
      Cuocere una decina di minuti a 180°, togliendoli quando iniziano scurirsi . Lasciarli raffreddare sulla carta forno perché ancora caldi si potrebbero rompere.
      Non appena saranno ben freddi, al centro ho messo della gelatina di mele cotogne, con qualche granello di zucchero, qualcuno l'ho cosparso semplicemente con dello zucchero a velo, altri li ho lasciati così.



        domenica 20 marzo 2011

        Anatra con le verze


        Autore: germana


        1 anatra a pezzi, possibilmente muta, di circa 1,5 k, già pulita
        40 g di lardo tritato
        1 verza di medie dimensioni
        1 carota tritata
        1 cipolla tritata
        2 coste di sedano tritate
        1 spicchio d'aglio tritato
        2 rametti di salvia
        1/2 bicchiere di vino bianco o rosso leggero
        brodo vegetale
        1 mazzetto aromatico (timo, alloro, salvia, rosmarino)
        sale e pepe



          Procedimento 
          Scaldare una padella e far rosolare i pezzi di anatra dalla parte della pelle, senza aggiungere alcun condimento per circa 4-5 minuti. Ripetere dall'altro lato.
          Eliminare il grasso dalla padella, unire  il lardo, tutte le verdure tritate, l'aglio e il mazzetto aromatico, lavato e asciugato. Salare, rosolare qualche minuto , sfumare con il vino e farlo evaporare completamente.
          Nel frattempo  lavare le foglie più dure spezzettate con le mani o tritate grossolanamente della verza ed aggiungerle all’anatra.
          Incoperchiare  e cuocere per circa 50 minuti a fiamma bassa, mescolando spesso con un cucchiaio di legno e versando poco brodo bollente, di tanto in tanto, quando necessario. Unire  la verza rimasta, spezzettata con le mani o tritata, regolare di sale e pepe e continuare la cottura per 40 minuti.
          Noi la mangiamo, indovinate un po’con che cosa: : ovvio no,con  la polenta , perché è buonissima intingerla nella “puccina” che si forma.

          domenica 13 marzo 2011

          Le macine del Mulino bianco






          Autore: germana
          Ricetta originale Barilla

          Ingredienti:
          500 g farina 00
            50 g fecola
           150 g zucchero al velo
           200 g burro Soresina
           5 cucchiai di panna montata
          1 bustina di lievito
          1 bustina di vanillina
          1 pizzico di sale

          Lavorare tutti gli ingredienti e stendere una sfoglia dello spessore di mm 5 quindi con un coppapasta infarinato tagliare i biscotti e fare il forellino centrale. (io ho usato il manico di un cucchiaio di legno).  Infornare a 180° per circa 10/15 minuti.

            sabato 12 marzo 2011

            Pomodori alla Provenzale


            Autore: Eugenio


            Ingredienti:
            • Pomodori tondi n. 8
            • Aglio 4 spicchi
            • Prezzemolo un pugno di foglie
            • Origano due pizzichi
            • Maggiorana fresca 30 foglioline (oppure due pizzichi di quella secca)
            • Pangrattato 4 cucchiai
            • Olio extravergine
            • Sale, pepe, zucchero
            Calcolate due pomodori per persona. Lavateli, tagliateli a metà, togliete i semi e condite ogni metà con un pizzico di zucchero. Salateli, pepateli e lasciateli riposare un quarto d’ora.
            Mettete 5 cucchiai d’olio sul fondo di una grossa padella e fate dorare i pomodori per tre minuti dal lato tagliato cioè quello della polpa quindi voltateli e continuate la cottura per due minuti sul lato della buccia.
            Accendete il forno a 230-240 gradi. Nel frattempo tritate aglio, prezzemolo, maggiorana e mescolateli col pangrattato e l’origano.
            Disponete i pomodori su un piatto da forno e coprite ognuno di essi col miscuglio preparato.
            Irrorate d’olio e cuoceteli in forno per circa un quarto d’ora. (temperatura e tempo dipendono dal vostro forno). Si servono tiepidi o anche freddi come antipasto o come contorno per una grigliata di carne o di pesce, con l’agnello arrosto, con un bel pesce al forno o anche come letto per un uovo al tegamino.

            mercoledì 2 marzo 2011

            Torta del 3


            Autore: germana




            E' una ricetta di Paola Lazzari presa dal blog di Ornella

            Ingredienti:

            • 3 hg di ricotta di pecora (io ho usato quella vaccina)
            • 3 hg di zucchero
            • 3 uova
            • 3 hg di farina tipo"00"
            • 3 cucchiai di burro morbido
            • 3 cucchiai di latte
            • 3 cucchiai di succo di limone
            • 3 cucchiaini di lievito
            • Scorza di limone e vaniglia
            • Cioccolato fondente (100 g) (non l'ho messo)
            • Zucchero al velo

            In un mixer lavorare la ricotta con lo zucchero fino ad ottenere una crema liscia, priva di granuli, unire il burro morbido e quindi le uova intere, uno alla volta.Aggiungere gli aromi, il succo di limone, ed il latte. Azionare ancora il mixer per qualche secondo ed infine unire la farina mescolata al lievito, lavorando il tutto brevemente. Versare l'impasto in una teglia (diametro 24cm) imburrata Cuocere in forno a 180°C per circa 45 minuti. Spolverizzare con  zucchero al velo.

            martedì 22 febbraio 2011

            Cipolline borettane in agrodolce


            Autore: germana


            Ingredienti
               
            400 g di cipolline borettane
            40 g di burro
            1 cucchiaio di zucchero
            1 mestolo di brodo vegetale
            1 cucchiaio di aceto di vino bianco
            sale
            pepe

            Procedimento:
            Pelare le cipolline togliendo la buccia dorata e il primo strato sottostante. Lavarle e scottarle in acqua bollente  Sciogliere metà del burro in una padella antiaderente, disporvi le cipolline in un solo strato, sale, pepe e farle dorare.
            Cospargere le cipolline con lo zucchero, alzare  la fiamma lasciarle caramellare leggermente. Quando avranno assunto un colore dorato,bagnare  con l'aceto e farlo evaporare.
            Girare le cipolline con un cucchiaio di legno, coprire  il recipiente con il coperchio, abbassare la fiamma e lasciatele cuocere per 5 minuti, muovendo spesso la padella per evitare che si attacchino al fondo. Scaldare il brodo  versarlo sulle cipolline, alzare la fiamma e proseguire la cottura per 5-6 minuti, fino a quando il brodo sarà evaporato e si sarà formato un sughetto sciropposo.
            Unire  alle cipolline il burro rimasto a fiocchetti e fatelo sciogliere completamente, mescolando. Regolare di sale, profumare con altro pepe e togliere dal fuoco.
            Sono buone:
            calde, tiepide, ma anche fredde.


              martedì 15 febbraio 2011

              Timballo di ditalini in crosta



              Autore: Flaminia

              Ingrediente
              Per la frolla
              Ho usato la ricetta di Luca Montersino e messa in frigo per 40 minuti. Meglio se fatta il giorno prima.


               Ragù
              ½ cipolla
              ½ carota
              250 g di pomodoro
              100 g di fegatini di pollo tritati
              1 foglia d’alloro
              1 cucchiaio di funghi secchi ammollati
              100 g di polpa di vitello a cubetti
              2 cucchiai di brandy
              100 g di ditalini di pasta
              2/3 chiodi di garofano
              2 cucchiai di olio evo
              Sale - pepe
                Preparazione del sugo:
                Soffriggere nell’olio la cipolla, la carota tagliate sottili, aggiungere i fegatini e il vitello.
                Sfumare con il brandy. Aggiungere i funghi e qualche cucchiaio della loro acqua.
                Unire l’alloro, i pelati, chiodi di garofano e cuocere per almeno un paio d’ore.
                Sale - pepe.
                Lessare i ditalini molto al dente e condirli con il ragù.
                Con la frolla ritagliare due dischi di due misure diverse. Con quello più grande foderare uno stampino tipo muffin, riempire con i ditalini e ricoprire molto bene con l’altro disco.
                Decorare a piacere.
                Infornare a 160° per 20/25 minuti fino a doratura.

                sabato 12 febbraio 2011

                Pappa col pomodoro


                Autore: Flaminia

                 Autore :Flaminia

                Ingredienti
                300 g di pane raffermo
                ½ cipolla
                1 carota
                100 g di pomodoro
                2 cucchiai di olio evo
                1 l di acqua o brodo
                Sale - pepe nero
                Basilico-mentuccia- prezzemolo

                Sbollentare i pomodori e privarli della buccia e dei semi.
                In un tegame scaldare l’olio, aggiungere la cipolla e la carota tagliate a brunoise e i pomodori.
                Lasciar insaporire, quindi aggiungere il pane spezzettato e il brodo o l’acqua caldi.
                Cuocere per una ventina di minuti fino a quando il pane si sarà ridotto come una morbida polpa.
                Condire con basilico, mentuccia e prezzemolo tritati, un giro di olio evo e una spolverata di pepe nero.
                Ottima sia calda che tiepida,
                In estate sprigiona tutto il suo sapore dovuto ai pomodori freschi.

                mercoledì 9 febbraio 2011

                Pasta ai 2 formaggi in salsa rosa





                Autore: germana
                Ingredienti:
                • 1 cucchiaio raso  di concentrato di pomodoro
                • 200 g di Besciamella pronta
                • 250 g di Pasta ripiena
                • Formaggi misti : 50 g di taleggio-50 g di quartirolo

                  Procedimento
                  Ridurre i formaggi a dadini e scioglierli  in 200 g di besciamella calda, dopo aver  aggiunto il concentrato di pomodoro.
                  Condire i  250 g di tortellini lessati con la salsa fatta,eventualmente unire qualche cucchiaio di acqua di cottura, qualora la salsa fosse rimasta troppo densa.
                  Passarli  qualche minuto in forno caldo fino a quando i formaggi si saranno sciolti.

                  sabato 5 febbraio 2011

                  Tartare di Barbabietole con germogli di soia


                   Autore: Flaminia

                  Ingredienti
                  • Barbabietole cotte a vapore
                  • germogli di soia
                  • olio evo
                  • sale-pepe
                  • aceto di mele
                  • limone e arancia

                  Con un coltellino spellare le barbabietole e metterle nel mixer.Tritarle per qualche secondo e quindi condirle con olio, sale, pepe e aceto di mele.
                  Inserirle in una forma per hamburger, impiattare e guarnirle con germogli di soia conditi con olio, sale pepe, succo d'arancia e limone.

                  giovedì 27 gennaio 2011

                  Fiori di zucca alla ricotta verde con crostini





                  Autore: Flaminia
                  • 6/8 fiori di zucca
                  • 150 g di ricotta di pecora
                  • 1 cucchiaino di pesto di rucola
                  • 1 albume d'uovo
                  • pane grattugiato q.b.
                  • olio evo
                  • sale -pepe

                  Pesto di rucola
                  Rucola, pinoli,olio, grana, pecorino tutto in parti uguali. Sale pepe se necessari.
                  Unire la ricotta.

                  Pulire delicatamente i fiori di zucca e riempirli con la crema di ricotta. In un piatto sbattere leggermente l'albume ed immergervi delicatamente i fiori di zucca tenendoli per il picciolo, indi passarli nel pane grattugiato e metterli in una teglia che vada in forno, unta d'olio.Irrorare con un altro po' d'olio ed Infornare a 180° fino a  completa doratura.
                  Con il pesto avanzato si possono fare dei crostini

                  giovedì 20 gennaio 2011

                  Passatina di ceci con cicoria selvatica





                  Autore: Flaminia

                  • 250 g di ceci lessati
                  • 500 g di cicorietta selvatica
                  • 2 cucchiai circa di olio evo
                  • sale-pepe-aglio
                  • qualche goccia di limone
                  • una manciatina di granella di nocciole
                  • una spolverata di paprika piccante
                  Lessare i ceci in acqua e poi frullarli con olio, sale, pepe e qualche goccia di limone.
                  Lessare  la cicorietta in acqua salata, scolarla e farla saltare in padella con olio e aglio e farla diventare croccante.
                  Comporre il piatto facendo delle quenelle con i ceci e porre la cicorietta al centro del piatto.
                  Spolverare il tutto con paprika, granella di nocciole e un giro d'olio

                  giovedì 13 gennaio 2011

                  Crostata crema di mascarpone e confettura cachi


                  Autore: germana



                  Credo che tutte noi abbiamo avanzato qualcosa dei pranzi di queste feste passate.
                  A me é avanzata la crema di mascarpone che ho mescolato con la marmellata di cachi e noci e poi ho farcito la crostata.

                  Ingredienti per la crostata
                  300 g di farina 00
                  150 g di zucchero
                  125 g di burro
                  1 uovo intero 
                  2 tuorli
                  1 pizzico di sale
                  la scorza grattugiata di 1 limone
                  1 bustina di lievito vanigliato Bertolini

                  Farcitura:
                  crema di mascarpone
                  confettura di cachi e noci
                  qualche goccia di rum

                  Procedimento:

                   Disporre  lo zucchero e il sale in una ciotola, aggiungere il burro molto morbido , la buccia grattugiata del limone e montare con una frusta elettrica, in modo da ottenere un composto spumoso. Unire l'uovo ,1 cucchiaio di farina 00 e mescolare con una spatola per amalgamare. Aggiungere e amalgamare i tuorli con un altro cucchiaio di farina.
                  Unire la farina 00 rimasta,  la bustina di lievito vanigliato e  mescolare rapidamente. Avvolgere l'impasto in pellicola trasparente e lasciarlo riposare in frigorifero per 1 ora.

                  Nel frattempo amalgamare bene la crema di mascarpone con la confettura e se necessario il rum.

                  Stendere i due terzi della pasta alta 1/2 cm in uno stampo di cm 24 foderato di carta forno.
                  Spalmare la crema e con la rimanente pasta fare dei decori a seconda della vostra fantasia.
                  Infornare a 175° per 20-25 minuti





                  sabato 1 gennaio 2011

                  Pollo imperiale



                  Autore: Ucci (Maria Luisa Preziuso)

                  Considero questo piatto un antipasto per sei persone, da servire freddo sia in inverno che in estate.

                  Per la cottura del pollo:
                  • Un petto intero di pollo
                  • Un litro di latte
                  • spezie da aggiungere al latte: pepe, coriandolo, curcuma, cardamomo, cannella in pezzo, noce moscata, ginepro
                  • sale q. b.
                  Per il condimento:
                  • 1/2 decilitro di aceto di mele
                  • 1 decilitro di olio extravergine d'oliva
                  • sale e pepe macinati q.b.
                  • 50 grammi di ribes rosso
                  • 50 grammi di pinoli
                  • 30 grammi di canditi di agrumi
                  • julienne di 1/2 limone e di 1/2 arancia, sbollentata per 5 minuti
                  Cuocere il pollo nel latte speziato per circa 40 minuti e lasciare raffreddare nel lquido di cottura.
                  Durante la cottura del pollo preparare il condimento emulsionando olio e aceto a freddo.
                  Affettare il pollo e disporlo su un piatto da portata su un letto di insalata songino (valeriana).
                  Versare il condimento sul pollo e guarnire con rametti di ribes fresco.

                  Loading...
                  Loading...
                  Loading...
                  Loading...

                  Antipasti

                  Minestre

                  Primi piatti asciutti

                  Piatti unici

                  Insalate

                  Pesce

                  Pietanze di magro

                  Pietanze di grasso

                  Torte salate e farinata

                  Dolci

                  Pane e focaccia

                  Cucina rapida

                  Cucina a microonde

                  Ricette di base

                  Conserve

                  Tecniche

                  Tutti i filmati


                  Loading...
                  Loading...
                  Loading...


                  Ci siamo anche noi

                  Ci riservano un trattamento di favore...

                  Bernardi Impastatrici

                  Primi degli italiani

                  E quest'anno?

                  Anche quest'anno abbiamo fatto benino; siamo cioè arrivati 133-esimi su 773 partecipanti. Grazie a tutti coloro che ci hanno votato.

                  E poi?

                  Dedica un minuto. E' importante

                  una ricetta per il santa lucia
                  Clicca sul logo e manda anche tu la tua ricetta per sostenere questa struttura

                  Cerca sul ricettario

                  Ricerca personalizzata
                   

                  Cosa guarda il topo?